UN BILANCIO, OLTRE IL BILANCIO

Proventi
Impiego dei fondi

L’anniversario dei dieci anni, tanti viaggi e progetti in atto, molti nuovi orizzonti rivelati: in sintesi riportiamo un bilancio delle attività svolte nel 2017 che non è fatto solo di numeri ma di tanto impegno elargito da sostenitori, collaboratori, amici e associazioni con le quali lavoriamo

Un anno ricco di avvenimenti e di progetti, di relazioni nuove e nuove prospettive: il 2017 è stato un anno bello e positivo. È uscito “Mio fratello è africano”, libro che ha chiesto tanta energia e dedizione e tenerlo in mano, ancora oggi è una grande emozione. Poi è nata la mostra in casa La Perla, il primo spazio tutto dedicato alla fondazione, una retrospettiva sì, ma forse più che un guardare indietro, la mostra è la testimonianza di un nostro continuo guardare avanti con fiducia ed energia. Non ci fermiamo mai, continuiamo a camminare insieme a voi, continuiamo a credere che tanto è possibile e ci lavoriamo, rimboccandoci le maniche e facendoci forza a vicenda. Ecco un bilancio delle nostre attività rese possibili dai fondi ottenuti grazie al vostro sostegno.                                                              Nel corso del 2017 abbiamo raccolto 103.601,29 euro da queste fonti:

Con 83.800 euro abbiamo sostenuto i progetti in corso.

INDIA

400 euro per la retta annuale per Thupten Wangchuk, nel TCV di Dharamsala:

12.500 euro sono andati a sostenere la costruzione della casa famiglie a Jhamtse Gatsal, nell’Arunachal Pradesh, India.

NEPAL

Con 1.000 euro abbiamo sostenuto il piccolo progetto del pollaio alla periferia di Kantmandù in Nepal, seguito da Adam e da Pierangelo a favore di chi, dopo il grande terremoto, ancora stenta ad affrontare la quotidianità.

AFGHANISTAN.

5.000 euro – un’equivalente di 33 capre - sono andati a sostegno del progetto “Una capra per una donna afghana” grazie anche all’azione natalizia. 22.000 euro sono andati all’avvio del progetto pilota del campo di zafferano a Herat, nato da un sogno che siamo riusciti a realizzare grazie al preziosissimo aiuto di Insieme si può di Belluno e delle donne di RAWA – Revolutionary Association of the Women of Afghanistan. Qui le difficoltà sono state diverse: a terreno quasi pronto le donne hanno dovuto abbandonare il campo a causa dei continui attacchi di ISIS, sono riuscite a trovare un altro appezzamento di terra più vicino alla città di Herat e quindi altre 12 donne interessate a collaborare al progetto e così i lavori sono stati ripresi. La difficoltà nell’acquisto dei bulbi di zafferano poi e il tempo perso per il trasloco, hanno reso ancora più prezioso il raccolto in ritardo sì, ma molto con un grande risultato: 1.280 grammi di pistilli di zafferano che saranno venduti al mercato locale.

TOGO

5.000 euro per il sostegno del progetto scolastico di suor Patrizia e Maristella in Togo, ad Amakpapè, pagando in questo modo la retta e il materiale scolastico ad approssimativamente 80 bambini.

3.105 euro sono stati poi raccolti a favore del progetto “Sangue è vita” in Togo, per l’acquisto di 79 sacche di sangue per le trasfusioni a pazienti con malaria in stato avanzato.

UGANDA

24.838 euro son andati a sostegno del progetto Choose Life Home Based Care in Karamoja - Uganda, grazie anche e soprattutto all’importante contributo della Provincia Autonoma di Bolzano. Qui abbiamo continuato con i corsi di sartoria e il sostegno medico, psicologico e sociale dei pazienti sieropositivi e delle loro famiglie, dei bimbi orfani e con difficoltà in famiglia dovute alla malattia, e poi abbiamo costruito una biblioteca. I nostri ragazzi sono tornati qualche giorno fa dal viaggio di sopralluogo, e l’entusiasmo per questo progetto è stato grande, sister Itae e sister Paolina sono due grandi donne.

10.000 euro sono stati il primo contributo a favore del progetto Wine to Water, sostenuto da un nostro caro amico e volto all’ottimizzazione dell’accesso dell’acqua potabile in Karamoja. Finora si è intervenuti su 5 pozzi per lavori di ristrutturazione e riassestamento.

Sono ammontate a 18.413 euro le spese di gestione, in cui rientrano anche i due viaggi in Togo e India, fatti in occasione del decennale e volti alla redazione del libro, questo significa che l’incisione dei costi di gestione sulle donazioni in entrata, per il 2017 è di approssimativamente 15%.

Sì, il 2017 è stato un anno davvero importante, ricco di sfide ma soprattutto di grandi soddisfazioni. Un anno tanto bello che ci ha dimostrato più di altri quanto è grande il vostro sostegno, la vostra fiducia, quanto è grande l’affetto che la Costa Family Foundation riceve e regala.

E non smetterò mai di dirlo, condividere con voi tutti continui passi verso un mondo più gentile, verso la rivelazione del grande valore che è la solidarietà, con positività e determinazione, per me e per noi tutti è una gioia immensa.

Giulan de cör. Grazie di cuore. Andiamo avanti.

Un saluto caro

Elide

 

 

Elide
Condividi su Facebook

Altri temi attuali

IL PICCOLO GEORGE

Il grande tavolo della sala di comunità sembra il banco della cartoleria dove andavo da piccola: quaderni colorati grandi e piccoli, matite, biro, righelli e libri di testo. 
Approfondisci

UNA CENA DI DONNE PER LE DONNE AFGHANE

Il 13 ottobre, dalle 19 alle 20, Verena Kostner invita le donne di Corvara e dell’Alta Badia nella sua Ciasa Verena per una cena dedicata al progetto Giallo zafferano.

Approfondisci

STOFFE TOGOLESI, SARTE LADINE

Durante l’ultimo viaggio in Togo abbiamo portato con noi delle stoffe comprate al mercato di Lomé. Ecco come le abbiamo trasformate.

Approfondisci
Altri temi

Dona il 5X1000 alla Costa Family Foundation! Non costa niente e aiuta molti.

Ecco i dati per il 5X1000

Denominazione: Costa Family Foundation o.n.l.u.s.
Codice fiscale: 92028490214

Mandami i dati tramite e-mail